Los Angeles

Il fuso orario di Los Angeles

Negli Stati Uniti d’America si contano ben 6 diversi fusi orari. Los Angeles si trova in California, sulla costa ovest, dunque segue il fuso orario che viene detto Pacific Daylight Time (PDT). Il PDT è a -8 ore dal GMT (ovvero l’ora di Greenwich), e a -9 dall’ora di Roma. Dunque, per calcolare l’ora di Los Angeles è necessario sottrarre 9 ore dall’ora italiana. Quando in Italia è mezzogiorno, a Los Angeles sono le 3 del mattino. In California, come in Italia, c’è l’ora legale (Daylight Saving Time, o DST), che è in vigore dalla seconda domenica di marzo alla prima domenica di novembre.

Disneyland

Disneyland sta ai parchi di divertimento con il Partenone sta all’architettura. E se non è il più antico fra i parchi, di certo è il più imitato nel mondo, e probabilmente il più emozionante. Disneyland è, semplicemente, un’attrazione che non potete mancare se visitate Los Angeles. Dalla sua nascita, avvenuta nel 1955 per volontà dello stesso Walt Disney, il parco ha accolto milioni di bambini dagli 0 ai 99 anni (oggi sono 14 milioni i visitatori che passano qui ogni anno). La zona storica di Disneyland sorge ai lati della Main Street, costruita in stile primo Novecento e ispirata alla città natale di Disney, Marceline, Missouri. Qui si trova anche il celebre Spleeping Beauty Castle (il Castello della Bella Addormentata)! Tutto intorno, la fantascientifica Tomorrowland, Fantasyland con la giostra delle tazze da tè, e le avventurose Frontierland (dove incontrare i Pirati dei Caraibi) e Adventureland (casa di Indiana Jones). Da non perdere anche la seconda metà del parco, più nuova: la Disney California Adventure, che celebra l’immaginario Californiano.

Universal Studios

Se Disneyland è il primo parco tematico da visitare a Los Angeles, quello degli Universal Studios è il secondo: in pochi altri posti al mondo i visitatori possono vivere sulla loro pelle la magia del cinema come qui. I tradizionalisti ameranno soprattutto lo Studio Tour, che porta i visitatori in giro per i set cinematografici più famosi degli Studios, da_ Ritorno al futuro_ (con la famosa piazza dell’orologio di Hill Valley…) a I pirati dei Caraibi, dalle case delle protagoniste di Desperate Housewives al motel di Psycho. Altri tour vi renderanno protagonisti di vere e proprie scene di film, con tanto di effetti speciali e stuntman: vi sentirete come al cinema… ma dall’altra parte dello schermo!

Getty Center

Il Getty Center è uno di quei musei da visitare in una bella giornata di sole: lo spettacolo è equamente diviso fra le opere d’arte in esposizione, e la struttura stessa che le ospita. La collezione, dono del filantropo J. Paul Getty, include capolavori europei dal Rinascimento all’Ottocento, da Tiziano a Van Gogh, oltre a una splendida collezione di fotografie. L’enorme complesso del museo, in uno stile che tiene insieme antico e moderno, sorge invece in cima a una collina, ed è opera dell’architetto Richard Meier. Venite per soddisfare la vostra voglia di arte, e fermatevi per contemplare il tramonto dal grande giardino: la spettacolare vista abbraccia tutta Los Angeles! Parte del Getty è anche la Getty Villa di Malibu, un edificio in stile romano che raccoglie la collezione di opere di arte antica.

 

 

Hollywood Boulevard

Hollywood è per tutti i visitatori il cuore di Los Angeles, e l’Hollywood Boulevard – la grande strada che taglia in due il quartiere – è il cuore di Hollywood. La vostra scoperta della capitale del cinema potrebbe partire da qui: lungo il viale, e nelle vie intorno (tutte celebri: da Sunset Boulevard a Mulholland Drive) sorgono le attrazioni che avete visto mille volte sullo schermo: la Walk of Fame, il Chinese Theater, il Dolby Theater (che dal 2001 ospita la cerimonia degli Oscar), il Museo delle Cere di Madame Tussaud, il Capitol Records Building… oltre a un gran numero di locali esclusivi, frequentati da produttori, stelle di varia grandezza e ambiziosi sognatori in cerca dell’occasione della vita.

Walk of Fame

Il tratto più famoso dell’Hollywood Boulevard è senz’altro la Walk of Fame. A ben vedere, si tratta probabilmente del marciapiede più famoso e più fotografato al mondo: ospita le “stelle” in marmo rosa dedicate ai più grandi attori, registi e musicisti che siano passati per Hollywood – dal 1960 a oggi. Visitare Los Angeles senza aver calpestato una delle oltre 2400 stelle della Walk of Fame sarebbe un vero peccato!

Chinese Theater

L’altra attrazione imperdibile dell’Hollywood Boulevard, al numero 6925, è il famoso Chinese Theater, un pezzo della vecchia Hollywood che sopravvive alle mode e alla città che cambia. Costruito nel 1927 in uno stile da tempio cinese, con tanto di forma a pagoda e statue di cani all’ingresso, il Chinese Theater è ancora in attività, e ospita première e cerimonie importanti. Molti lo visitano, soprattutto, per le impronte dei piedi delle star: sono conservate nel cemento nel piazzale davanti all’ingresso. Se vi chiedeste che numero di scarpe porta Clint Eastwood, la risposta è qui!

Molo di Santa Monica

Santa Monica rappresenta l’anima più alternativa e hippie di Los Angeles, e il Molo di Santa Monica (il Santa Monica Pier) è il suo simbolo dal 1908. Qui arriva (o parte, a seconda) il percorso della mitica Route 66, che da canyon e deserti rotola giù attraverso Los Angeles fino all’Oceano Pacifico. Sul Molo si affollano ogni giorno artisti di strada, venditori ambulanti, chioschi di dolciumi e giostre: è il posto ideale per una passeggiata, o per mangiare un boccone a un banchetto di street food. Una gita sulla grande ruota panoramica regala paesaggi unici con vista su tutta l’area, specie al tramonto. E per riposarsi, c’è la grande spiaggia che si estende tutto intorno…

La scritta Hollywood

La scritta Hollywood osserva Los Angeles dall’alto fin dal 1923, quando vi si leggeva ancora “Hollywoodland”: la scritta nacque infatti come cartellone pubblicitario per un nuovo progetto di sviluppo immobiliare con quel nome, prima di diventare il vero simbolo della capitale del cinema. Ristrutturata in diverse occasioni, la scritta Hollywood è comparsa in infiniti film e serie TV (provate a ricordarne qualcuno!). Ogni lettera, costruita in lamina di metallo, è alta 15 metri, e in origine era illuminata da lampadine. A non voler essere romantici, si tratta solo di 9 grandi lettere su una collina… Ma in fondo, anche il David di Michelangelo è solo un blocco di marmo!

La Brea Tar Pits

Nella preistoria, ben prima che la saga dell’Era Glaciale spopolasse nei cinema di tutto il mondo, mammuth e tigri dai denti a sciabola già abitavano l’area di Los Angeles. I loro resti fossili sono stati ritrovati nella zona di La Brea, presso Hancock Park, e raccolti nel George C. Page Museum of La Brea Discoveries, uno dei musei più amati dai bambini di tutta Los Angeles. La più famosa attrazione di La Brea però sono le oltre 100 tar pits, delle grandi pozze di catrame maleodorante che si trovano nel parco. Negli anni dal catrame sono stati “pescati” innumerevoli resti fossili, e altri vengono ancora ritrovati.

Grittith Park e Osservatorio Griffith

Dentro Los Angeles c’è anche un pezzo di terra selvaggia: è Griffith Park, una grande area protetta di montagne e canyon all’estremità delle Santa Monica Mountains. Nel parco corrono oltre 80 chilometri di sentieri, alcuni dei quali raggiungono Mount Hollywood: con i suoi 495 metri di altezza, il monte è il punto più elevato della zona. Nel Griffith Park si trovano anche un teatro, il Greek Theater, e uno zoo – ma l’attrazione più celebre è senza dubbio il celebre Osservatorio Griffith, probabilmente l’osservatorio astronomico più visitato al mondo, con 1 milione di visitatori all’anno. Si tratta di un edificio Art Déco che ospita grandi telescopi con cui scrutare il cielo di giorno e di notte, oltre a esposizioni e a uno spettacolare planetario (il Samuel Oschin Planetarium). Per chi vuole restare con i piedi per terra, puntando lo sguardo appena un po’ più in basso, dall’Osservatorio si scorgono perfettamente la scritta Hollywood e la valle di Los Angeles fino all’Oceano Pacifico.

About me

Lavoro nel mondo del turismo da sempre!
Sin da piccola sognavo di viaggiare per lavoro così ho scelto un percorso di studi che mi ha aperto le porte di questo mondo!
Nei primi anni post scuola ho variato da agenzie di viaggi a tour operator, per poi lavorare come assistente residente all’estero, come receptionist in hotel e infine, quella che è stata la mia principale esperienza di vita, ho navigato i 7 mari per una compagnia di crociere fino a quando ho deciso che ero pronta per poter cominciare un percorso tutto mio e così è nata Tangaroa. 

Ultimi articoli

Follow Us

Newsletter

error: Questo contenuto è protetto!